Zafferano

Zafferano

Da dove deriva lo zafferano?

Lo zafferano deriva dagli stimmi di un bellissimo fiore nome, IL Crocus sativus.

Il nome scientifico dello zafferano deriverebbe dalla parola persiana “asfar” che significa “giallo”, dal tipico colore che conferisce questa spezia agli alimenti e alle stoffe a cui veniva aggiunta. Questa pianta bulbosa erbacea è coltivata nel mediterraneo fin da tempi antichissimi, ma la sua origine va ricercata probabilmente tra l’Asia minore e la Grecia. L’uso dello zafferano era vario: veniva usato in cucina, per colorare le vesti, per preparare unguenti e profumi, per tingere le bende delle mummie egiziane. In Persia era ampiamente usato come afrodisiaco. Gli antichi speziali lo utilizzavano come sedativo ed antispasmodico.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Appena alle spalle di Genova, sopra alla Valbisagno e più precisamente a Rosso di Dvagna si coltiva lo zafferano: vi invitamo a conoscere questo fantastico prodotto e i suoi derivati (miele allo zafferano, marmellate allo zafferano, sciroppo, liquore,…)

www.zafferanorosso.it

 

Tre giovani genovesi con una forte passione per la “vita agreste”.

Siamo cresciuti con un piede in campagna e un piede in città, tenendo vivo il contatto che ci lega con l’entroterra delle nostre origini. Coltiviamo da diversi anni, all’inizio per puro piacere, poi con impegno crescente,  alla ricerca della coltivazione più adatta a valorizzare il nostro territorio, così affascinante ma così impervio: un’agricoltura non sempre facile, quella ligure, ma che costituisce un banco di prova eccellente e un patrimonio inestimabile in termini di esperienza.

 

L’introduzione dello zafferano come coltura principale nei nostri terreni è il punto d’arrivo di uno studio e di una riflessione sul territorio a lungo ponderati. Come potrete constatare, fin da subito la nostra intuizione ha avuto riscontri soddisfacenti, se non addirittura sorprendenti!

Dal fiore, che fiorisce tra ottobre e novembre, con una delicata e paziente raccolta a mano, si separano gli stimmi, che sono quello che comunemente si chiama zafferano. Da ogni fiore si ottengono 2 o 3 stimmi. Una bustina di circa 3 grammi contiene circa 30 stimmi!Saffron

Naturaequa ha scelto di usare lo questo zafferano di alta qualità per condividere la scelta del km vero.

 

Da dove deriva lo zafferano?

Lo zafferano deriva dagli stimmi di un bellissimo fiore nome, IL Crocus sativus.

Il nome scientifico dello zafferano deriverebbe dalla parola persiana “asfar” che significa “giallo”, dal tipico colore che conferisce questa spezia agli alimenti e alle stoffe a cui veniva aggiunta. Questa pianta bulbosa erbacea è coltivata nel mediterraneo fin da tempi antichissimi, ma la sua origine va ricercata probabilmente tra l’Asia minore e la Grecia. L’uso dello zafferano era vario: veniva usato in cucina, per colorare le vesti, per preparare unguenti e profumi, per tingere le bende delle mummie egiziane. In Persia era ampiamente usato come afrodisiaco. Gli antichi speziali lo utilizzavano come sedativo ed antispasmodico.

 

Proprietà

Oggi l’uso è per lo più alimentare e numerosi studi hanno reso noto che questa preziosa spezia è dotata di molteplici proprietà in particolare quelle emmenagoghe e modulanti del tono dell’umore (in quanto stimola il sistema nervoso centrale).

Inoltre lo Zafferano è dotato di una significativa attività estrogenica e stimolante il metabolismo, oltre ad essere un valido aiuto nelle terapie dimagranti in quanto è stata dimostrata la sua efficacia nel dimagrimento e nel controllo del peso corporeo, nel diminuire la fame nervosa e la necessità di ricorrere a spuntini fuori pasto.

 

Coltivazione

Il Crocus sativus è la specie di zafferano coltivata; esso è una pianta triploide che necessita di moltiplicazione vegetativa per separazione dei bulbi, infatti è il risultato di una selezione artificiale messa in atto nel tempo che lo ha reso incapace di generare semi fertili, per cui la sua diffusione dipende dall’aiuto dell’uomo.

A parte la lavorazione del terreno, tutte le operazioni legate alla coltura di questa pianta sono eseguite a mano. La raccolta inizia in genere verso la metà di Ottobre e si protrae per circa un mese.

I fiori vengono raccolti di prima mattina, quando non si sono ancora schiusi. Poi, da ogni singolo fiore, mani esperte e delicate staccano e selezionano con cura gli stimmi all’interno della corolla. Al termine di un filamento bianco, si trovano tre fili di colore arancio o rosso vivo, che costituiscono lo zafferano propriamente detto, e due fili più corti gialli detti “femminelle” che non hanno nessun potere colorante, aromatizzante, odoroso e quindi nessun valore commerciale. Gli stimmi vengono seccati al sole o in stufa, fino ad un’umidità <10% e durante questa operazione vengono persi circa quattro quinti del peso originale.

Gli stimmi rossi, più ricchi di sostanze funzionali, sono la parte più pregiata e, dopo essiccazione, vengono trasformati in una polvere sottile di un bel colore vermiglio che rappresenta il cuore più prezioso dello zafferano. Il valore economico di questa spezia deriva dal fatto che per un solo kg occorrono ben 150.000 fiori e due mesi di lavoro. Il costo molto elevato, motivato dalla laboriosità della raccolta e della successiva lavorazione, ha portato inevitabilmente a innumerevoli tentativi di sofisticazione.

 

La polvere di zafferano è preziosa anche perché può considerarsi una miniera ricchissima di sostanze attive. E’ uno degli alimenti più ricchi di carotenoidi (circa L’8% contro lo 0,008% della carota che è riconosciuto come uno dei vegetali più ricchi di tali sostanze) e vitamina B1 e B2, oltre che da circa 150 sostanze aromatiche volatili che gli conferiscono il caratteristico sapore e odore.

 

Da questo i principali effetti:

  • protezione delle cellule contro i danni delle ossidazioni
  • incremento delle resistenze immunitarie
  • azione come precursori della vitamina A
  • antitumorale
  • antiossidante
  • favorisce lo scambio dell’ ossigeno nelle cellule necessaria per il metabolismo dei grassi, delle proteine e dei carboidrati
  • attivazione del metabolismo

E’ presente nei seguenti prodotti:
Crema lenitiva Zafferano e Lavanda

0

Your Cart